Bois du Cazier, luogo di #storia ma anche di gioco #marcinelle

Da casa mia alla miniera abbandonata di Bois du Cazier ci volevano circa 15 minuti a piedi, ma noi bambini con le nostre bici dotate di forza sovrumana arrivavamo lì alla velocità della luce!

Era una vera avventura, benchè fondamentalmente eravamo ancora nel nostro quartiere di Marcinelle ma andare al Bois du Cazier era come entrare in un mondo parallello. Lì le case erano diverse e non conoscevamo nessuno. Lì c’era la chiesa della comunione. Lì c’era il cimitero dei minatori…
Per il viaggio ci facevamo riempire la borraccia da mamma di acqua e menta come unico rinforzo calorico.
E poi via di corsa…
Arrivare fino ai cancelli della vecchia miniera non era difficile, anche se la salita Fond Boulet ci faceva morire ogni volta.
Nella vecchia miniera abbandonata e in totale degrado non siamo mai entrati perchè ci faceva tanta paura. Vetri rotti, scritte, mondezze abbandonate, pile di materiale ferroso accatastato…
Ma in compenso scivolavamo sul terril li vicino… Tutto il pomeriggio per salire in cima e poi scendere solo una volta…
Tornavamo a casa neri e felici, incoscienti del fatto che stavamo giocando in un luogo carico di memoria e di storia.